La donna e le sue lune

La figura femminile ha percorso mutamenti esponenziali nel corso della storia e degli eventi culturali e sociali, ed è per questo che oggi è in cerca della sua identità. Scavando in un passato ancestrale, le donne avevano una posizione elevata nella società; sacerdotesse, guaritrici, sagge, regine, dee. Eppure, in questa già difficile epoca storica, ci insegnano a vergognarci del nostro corpo, sin da bambine, a sentirci sciocche quando ascoltiamo il nostro intuito e che dobbiamo sentirci colpevoli della sensibilità che custodiamo e a reprimere il nostro lato selvatico.


Disarchetipizzate, abbiamo interiorizzato il disprezzo dei nostri corpi. Ci siamo disgregate per assomigliare ai canoni imposti della nuova religione e della società patriarcale per le quali siamo una costola ritorta che cerca di fuggire. Accusate di stregoneria, persino, e perseguite per molti secoli, la figura femminile fu distorta e poi dissacrata. Dalle dee che eravamo ora siamo tenute in silenzio ai margini di una società sempre meno inclusiva.


fasi lunari

La ciclicità femminile e le maree che la contraddistinguono sono diventate un tabù, uno scandalo, qualcosa di cui non si deve parlare, un segreto. Ma se le donne non sanguinassero non ci sarebbe possibilità di procreazione. Nonostante ciò, io stessa mi sono sentita frustrata per l'incapacità di non essere costante nel mio lavoro e nella quotidianità, convinta di essere sbagliata, di non essere all'altezza delle aspettative, inadatta a stare al passo di un tempo che ho compreso non appartenermi. Hai mai pensato che il tempo che cerchiamo di in