top of page
  • Natascia

La ruota dell'anno

Il tempo scivola via quando lo riempiamo di attività che non ci portano nutrimento. Il tempo si dilata quando selezioniamo ciò che vogliamo metterci dentro. Anche gli spazi vuoti hanno la loro importanza, in quei momenti possiamo ascoltare la nostra voce interiore ed esprimere noi stessi pienamente e consapevolmente.


Il tempo e la Natura sono parte dello stesso concetto.


La Natura è fonte di ispirazione e di insegnamento. Armonizzandoci con essa, con i ritmi della terra, è possibile concretizzare nuove risorse, che sono da sempre dentro di noi ma che vengono silenziate a causa dei ritmi di vita, scadenze e pressione sociale. Come l'intuito, la curiosità, la creatività, l'empatia.



La Ruota dell'Anno rappresenta il ciclo naturale delle stagioni e scandisce i cambiamenti della natura e degli umori dell'essere umano. Comprende quattro feste solari (Solstizio d'inverno, Equinozio di primavera, Solstizio d'estate, Equinozio d'autunno) e quattro feste stagionali, le feste del fuoco, celebrative di un cambiamento stagionale significativo. Per i popoli celti esistevano solo due stagioni, l’estate e l’inverno, il semestre luminoso e semestre oscuro, ed è qui che comincerò il mio racconto. Le credenze popolari, le leggende, il folklore riguardo queste festività è molto vasto, io ne racconterò in parte, quel tanto che occorre per comprendere i mutamenti della natura e delle maree interiori, e per aiutarti ad affrontare il fluire di queste energie con maggior serenità.

|| SAMHAIN || (si pronuncia Sauin) 31 OTTOBRE

Anticamente i popoli celti festeggiavano l’ultimo raccolto e l’inizio di un nuovo anno. Nel racconto celtico "The Wasting Sickness of Cuchulainn" ("La Devastante Malattia di Cuchulainn"), la festa del Samhain o Samonios viene celebrata per un totale di 7 giorni, di cui 3 antecedenti e 3 successivi alla notte di festa.


Halloween non nasce negli Stati Uniti ma ha origine in Irlanda, nella antica Erin dominata dai Celti. Halloween corrisponde infatti alla celebrazione di Samhain appunto.


In questi giorni il velo fra il nostro mondo e il mondo degli spiriti si assottiglia. Nei villaggi era consuetudine spegnere ogni focolare per evitare che gli spiriti maligni soggiornassero nel villaggio, anche il Fuoco Sacro sull'altare e riaccendere un Nuovo Fuoco il mattino seguente. Durante la notte nessuno osava avventurarsi fuori dalla propria abitazione. Nella tradizione popolare la notte di Samhain si praticavano riti divinatori che riguardavano previsione del tempo, matrimoni e la fortuna per l'anno venturo.

Questa notte appartiene agli spiriti, pertanto all'imbrunire è meglio essere al sicuro nelle proprie case, dove possiamo offrire cibo ai nostri antenati in visita e accendere una candela per indicare loro la strada di casa. Consiglio di disegnare la runa ᚦ THURS accanto alla finestra dove riponi la candela e sulla soglia di casa, con la punta rivolta all’esterno, così da tenere lontani gli spiriti indesiderati.

In realtà il velo rimane abbassato per tutta la fase oscura dell'anno nella quale gli Antenati restano con noi per portare benedizione e protezione.

Scrivi su dei foglietti di carta le cose che vuoi lasciar andare, come cattive abitudini e qualcosa della tua personalità che non risuona più con te, brucia i foglietti sulla fiamma di una candela nera e lasciali andare. Abbi cura invece, delle cose che per te sono importanti, custodiscile, affinché fioriscano a tempo debito.


APPROFONDIMENTO: Il velo tra i mondi


|| YULE || (si pronuncia Iol) 20 - 25 DICEMBRE

Il Solstizio d'inverno, è la giornata più corta dell'anno e di conseguenza la notte più lunga dell'anno. Dal giorno successivo il sole ricomincia la sua ascesa. È perciò una fase che illumina il semestre oscuro, una riconnessione con la luce che porta saggezza e consapevolezza. Ma siamo ancora sospesi nella bruma, chi nella neve, custoditi nel grembo ghiacciato di Madre Terra. Concediamo un po' di spazio, di silenzio e di riposo per rigenerarci. Nella nostra oscura profondità entriamo in contatto con scintilla del nuovo sole e illuminiamo le giornate a venire. Guarda a fondo nella tua oscurità e porta la luce. L'ombra rappresenta in qualche modo l'opposto complementare della coscienza, ciò che rifiutiamo di riconoscere come parte di noi stessi. È il nostro lato nascosto e molto spesso incompreso. Le cose che non capiamo, alle quali non sappiamo dare un nome, fanno paura. Ma rifiutando la propria oscurità ci si condanna a vivere una vita parziale. L'ombra abbandonata ad un'etichetta negativa è interdetta, senza alcuna relazione con il resto della personalità. "Chi guarda fuori sogna. Chi guarda dentro si sveglia" diceva Carl Gustav Jung. E come si fa? Con con consapevolezza, senza giudicarsi, senza pregiudizi, rallentando e osservando ciò che si muove sotto la superficie dei nostri gesti automatici e pensieri programmati. [ questo tema è complesso, approfondirò ]



|| IMBOLC || (si pronuncia Immol’c) 1 - 2 FEBBRAIO

È la festa della rinascita, dell'ispirazione creativa e della purificazione. In questi giorni si celebra l'innocenza fanciullesca. Le giornate si allungano e percepiamo nell'aria che qualcosa inizia a cambiare. Anche se l'inverno celebra ancora il suo trionfo, le energie e i primi segni del risveglio ci riempiono di attesa e di meraviglia. Imbolc è una delle quattro “feste del fuoco” (Samhain, Imbolc, Beltane, Lughnasadh) poiché i falò ne costituiscono una caratteristica essenziale. Un rituale molto semplice può essere quello di accendere una candela bianca (colore di purificazione), vestirsi di bianco o fare un bagno con fiori, oli essenziali e sali.

Lasciati ispirare e apriti al cambiamento, se ti va inizia un nuovo hobby o sperimenta cose nuove. Io ho cominciato ad annodare le prime corde con la tecnica del macramè proprio in questo periodo dell'anno.



|| OSTARA || 20 - 23 MARZO

Equinozio di primavera, che i popoli nordici chiamavano Ostara. L’inverno è finito ed è arrivata la primavera, è un passaggio netto e significativo! Questo è il momento per dare alla luce i progetti, le aspirazioni e i sogni. Quelle intenzioni che abbiamo seminato in autunno, a Mabon, e custodito durante l'inverno, ora possono cominciare a prendere forma. Se ti va fai una meditazione nella natura, attiva i tuoi sensi, annusa l'aria di cambiamento, ascolta il cinguettio degli uccellini.. tocca tutto foglie, fiori, cortecce; ti aiuterà a ritrovare la calma interiore ad accogliere il futuro con fiducia ed entusiasmo.


Ho scritto una meditazione per onorare Ostara, la trovi qui.

|| BELTANE || 1 MAGGIO

Il Primomaggio segna l’inizio della metà luminosa dell'anno. È la festa dell'amore, della vita, della sensualità e della passione. Si festeggia il ritorno dell'estate, la fecondità della terra, unione tra maschile e femminile, la Dea Madre Terra e il Dio Sole. C'è un tempo per ogni cosa, questo è il tempo dell'amore. Lascia che il tuo cuore batta al ritmo della terra. Accogli la bellezza che ti circonda e trova il piacere anche nelle piccole cose.


|| LITHA || 20 - 22 GIUGNO

Il Solstizio d’estate è il giorno più lungo dell'anno in cui il sole raggiunge la massima inclinazione positiva rispetto all’equatore e pare fermarsi prima di iniziare la sua parabola discendente che riporterà lentamente l’autunno e l'inverno. Il 21 giugno la natura al suo massimo splendore influenzata da un particolare e grande potere che unisce cielo e terra. È il momento ideale per la raccolta delle erbe che sono al massimo della fioritura e i frutti sono nel pieno della maturazione. Perciò la raccolta in questo periodo è significativamente generosa. Periodo ottimo per la divinazione con erbe e fiori, data l'abbondanza e particolari energie che ci circondano. È tempo di aprirsi al mondo, celebrare e accogliere ciò che la natura ha da donarci. Circondarci delle erbe acutizza i sensi ed attraverso essi entriamo in contatto con la natura ed il nostro sè più profondo. Quando i nostri sensi sono attivati possiamo percepire le energie sottili, si risveglia il nostro intuito e percepiamo messaggi nascosti.

APPROFONDIMENTO: